Il caotico mercato digitale di oggi non facilita la trasparenza nell’analisi dei dati determinando l’oligopolio dei Facebook e Google.
Non è una novità che i due giganti del web vengano in possesso quotidianamente di miliardi di informazione, utili non solo a sviluppare i propri contenuti e a prevedere le esigenze del mercato, ma anche ad incrementare in maniera consistente la raccolta pubblicitaria. La direttiva dell’Unione Europea sull’e-privacy, che dovrebbe diventare esecutiva con il nuovo General Data Protection Regulation dal 25/05/2018 abrogando la vecchia direttiva sulla privacy 2002/58, potrebbe agevolare ancora di più i big californiani a discapito dei piccoli editori. Anche i metadati godranno dello stesso livello di protezione dei dati personali e dovranno essere cancellati quando non più necessari allo scopo per cui sono stati raccolti. Secondo uno studio finanziato dal Parlamento Europeo, il 92% dei cittadini comunitari vogliono che le e-mail e i messaggi online scambiati siano confidenziali e senza accesso di terzi. Alcuni gruppi di EACA e IAB hanno mostrato disappunto per i nuovi provvedimenti di Bruxelles, temendo sensibili perdite per i modelli di business delle piccole società. Servono metriche nuove e più omogenee perché è duplice l’obiettivo: occorre sia riunire in unico scatto i mercati dei vari media sia poter comparare mercati nazionali e internazionali. Un’ipotesi sarebbe, per esempio, iniziare a disporre di una legislazione uniforme a livello europeo” ha spiegato a ItaliaOggi l’ad di Sensemakers-Comscore Italia Fabrizio Angelini, il quale ha sottolineato anche la posizione di vantaggio nel mondo dell’advertising online dei vari Whatsapp, Facebook e YouTube. Il prossimo appuntamento importante in merito alla questione è il meeting di Milano del 27 giugno, promosso da Upa e da altre associazioni del settore, nel quale verrà presentato il Libro Bianco sul Programmatic advertising fortemente voluto dal presidente Upa Lorenzo Sassoli de Bianchi. (M.R. per NL)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *