Privacy genetica: criptare il DNA per proteggere la riservatezza dei pazienti 23 agosto 2017

Nel 2007 James Watson, biologo molecolare pioniere della ricerca sul DNA, è diventato il primo uomo a sequenziare il suo intero genoma, rendendo disponibili al pubblico tutti i suoi dati per la ricerca. Tutti o quasi visto che ha volutamente lasciato uno spazio vuoto, quello del cromosoma 19 che ospita un gene chiamato APOE. Alcune varianti di APOE aumentano sono correlate alla possibilità di sviluppare l’Alzheimer, e Watson ha voluto mantenere privata questa informazione.

Peccato che la sua volontà di mantenere la privacy su questo aspetto sia stata disillusa. I ricercatori hanno, infatti, rapidamente sottolineato di poter predire la variante APOE di Watson basandosi sull’analisi del DNA reso pubblico. Nel caso specifico si decise di non procedere al calcolo, ma i gestori del database non hanno perso tempo a redigere una mappa di due milioni di paia di base che circondano il gene APOE.

Questo è il dilemma al cuore della medicina nucleica: il rischio che i pazienti debbano rinunciare a una parte della loro privacy per il superiore bene scientifico è una realtà con cui fare i conti. Per eliminare completamente il rischio di individuazione di un individuo in base al proprio DNA, non esiste alternativa se non quella di eliminare quei dati con gli stessi dettagli identificativi che li rendono scientifico utili. Ma ora, gli scienziati del computer e matematici stanno lavorando verso una soluzione alternativa. Crittografare i dati del DNA.

Leggi l’articolo originale To Protect Genetic Privacy, Encrypt Your DNA

Fonte: Wired | di Megan Molteni

2017-08-25T16:07:53+00:00 25 Agosto, 2017|Press|